Ia ora na gente!!!

Polinesia terra di fiori, colori, profumi… dove il grande protagonista è il mare con le sue splendide acque che qui toccano una tonalità di turchese e una limpidezza inimmaginabile! Dopo aver visitato Seychelles e Maldive pensavo di aver visto il più bel mare del mondo, ma mi sbagliavo: è qui che si trova il MARE per eccellenza (e non me ne vogliano i cari amici sardi). La Polinesia rappresenta il perfetto connubio tra le lagune maldiviane e la rigogliosa natura seychellese, poiché accanto ai motu, lingue di sabbia sul margine delle barriere coralline che circondano le isole formando splendide lagune, sono presenti anche verdeggianti montagne e vulcani.

Vi racconto la mia esperienza in questo paradiso terreste, organizzata tramite il tour operator locale Tahiti Cruise and Vacation. Per budget e scelta non abbiamo visitato l’isola di Bora Bora, la più famosa, la più bella a detta di molti, ma anche la più turistica. Abbiamo preferito l’isola di Tahaa con il suo meraviglioso profumo di vaniglia e Moorea con le sue splendide baie… Buona lettura!!!

Giorno 1°: Si parte!!! Volo Roma – Los Angeles dove abbiamo trascorso 5 giorni alla scoperta della città degli Angeli (prossimamente su questo blog!).

Giorno 6°: Partenza per il Paradiso, dove atterriamo dopo 8 ore volo. Il Faa’a International Airport si trova a Tahiti, l’isola principale dove è ubicata anche la capitale Papeete. La maggior parte dei voli intercontinentali atterra in tarda serata, pertanto la prima notte abbiamo soggiornato in un albergo vicino l’aeroporto, pronti per la partenza del giorno dopo verso la prima isola.

Hotel: Sofitel Tahiti Maeva Beach Resort

Giorni 7°- 13°: Con un volo interno di 45 minuti abbiamo sorvolato l’arcipelago verso l’isola di Raiatea e qui via mare raggiunto la splendida isola di Tahaa, conosciuta come l’isola della vaniglia, per via delle numerose piantagioni presenti. Durante un tour dell’isola, organizzato in jeep, siamo andati a visitarne una dove abbiamo scoperto i segreti della coltura e produzione di questa spezia. I giorni al resort sono trascorsi in totale relax sotto le palme, passeggiando per il giardino pieni di orchidee e tiare (fiore tipico simile ad una gardenia), o in mare a fare snorkeling. In questo resort sia ha la possibilità di fare un elettrizzante snorkeling nel Giardino dei coralli, caratterizzato da una splendida fauna e flora ma soprattutto da una forte corrente, grazie alla quale ho lasciato un “pezzo di ginocchio” attaccato ad un corallo!!!

 Un’intera giornata l’abbiamo dedicata alla scoperta di Raiatea, l’isola sacra. Un tempo nota come Hava’ī, Raiatea è conosciuta come la culla degli dei e ospita tesori archeologici come marae, luoghi sacri che servivano sia per eventi sacri che sociali, e i petroglifi o graffiti incisi sulla roccia. Essendo la prima isola polinesiana ad aver ospitato un insediamento umano, Raiatea offre il più spettacolare marae polinesiano, detto TaputapuateaDA NON PERDERE: abbiamo assistito ad uno spettacolo con balli tipici, danza del fuoco e lanci di coltelli. Veramente spettacolare!!!

Hotel: Le Tahaa Island Resort & Spa

Giorno 8°: Ripartiti dal piccolo aeroporto di Raiatea, siamo ritornati a Tahiti dove abbiamo proseguito con un’imbarcazione per l’isola di Moorea. Nell’attesa da uno spostamento all’altro, siamo andati in giro per la capitale Papeete, dove non manchiamo di fare un salto al suo mercato pieno di colori e profumi. Città da visitare anche per il porto, i giardini, il cibo di strada, l’artigianato locale e la frizzante vita culturale. Raggiunto il porto, ci imbarchiamo per la vicina isola di Moorea.

Hotel: Hilton Moorea Lagoon Resort

Giorni 9°-10°: L’isola di Moorea è conosciuta come l’isola degli artisti, poiché vari pittori, incisori, gioiellieri e tatuatori si sono stabiliti sull’isola per catturarne la bellezza e utilizzarla come ispirazione per le proprie opere d’arte. L’hotel dove alloggiamo, sorge direttamente sulla barriera corallina… La sensazione è quella di stare dentro un acquario, per la limpidezza dell’acqua, i coralli e i meravigliosi pesci multicolore.

Non manchiamo di andare alla scoperta di questa splendida isola. Noleggiata un’auto, siamo saliti su in montagna, otto cime che circondano un antico cratere vulcanico divenuto oggi una valle lussureggiante, da cui si ammira uno splendido panorama delle numerose baie dalla sabbia bianca e mare turchese che circondano l’isola.

Giorno 11°: Ultimo giorno in Paradiso, lasciata l’isola di Moorea abbiamo raggiunto l’aeroporto di Tahiti dove siamo ripartiti alla volta di Los Angeles e da qui proseguito per Roma.

Cibo polinesiano: grazie alle sue condizioni climatiche vengono coltivate un’enorme varietà di frutti, spezie e vegetali: l’albero del pane, o uru, il cocco, la banana fe’i, i numerosi vegetali come il taro, tarua, ufi o ‘umara sono la base della cucina delle isole. Papaya, mango, ananas, angurie, pompelmi, lime e vaniglia sono invece utilizzati per preparare gustosi dessert. Terra di mare, terra di pesce: l’ume o pesce imperatore musolungo delle lagune, lampuga (mahi mahi) pesce pappagallo, spesso consumati crudi, talvolta marinati in succo di lime o latte di cocco come la famosa ricetta del pesce crudo à la Tahitienne.

CURIOSITA’: Tipica la cottura nei forni polinesiani tradizionali, o ahima’a. Per la preparazione del forno Tahitiano è necessario scavare una buca nel terreno dove vanno posti vari strati di legna secca ricoperti da pietre vulcaniche. Acceso il fuoco, il tutto si ricopre con foglie di banano sulle quali vengono cucinati i cibi: carne, patate dolci, pesce e banane. Il tutto a sua volta viene coperto con altri strati di foglie di banano, terriccio e sabbia. La cottura dura dalle due alle tre ore, una volta ultimata, il forno viene aperto e il cibo servito sulle foglie di banano e mangiato con le mani! Da bere assaggiate la locale birra Hinano. 

Consigli per gli acquisti: L’Olio di Monoi, ottenuto dalla macerazione del fiore di Tiare in olio di coprah ossia polpa disidratata di cocco, dai molteplici usi (corpo, capelli…), i baccelli di vaniglia e suoi derivati, i parei che qui vengono annodati in vari modi, le famose perle nere di Tahiti acquistabili a prezzi più convenienti!

Per ulteriori info visitate www.tahiti-tourisme.it o scrivetemi a info@iviaggidiross.com

Alla prossima e… Ia ora na

Ross

 Categories: Diario di viaggio Viaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *